Home >> Notizie >> La balena blu che spinge al suicidio dei nostri figli. Già 150 vittime

La balena blu che spinge al suicidio dei nostri figli. Già 150 vittime

Un ”gioco” propone 50 prove basate sull’autoumiliazione fino all’ultima: il suicidio (già 150 ragazzi si sono tolti la vita così).

Ne dà notizia l’agenzia di stampa Fides: «”Balena Blu” è […] il titolo del nuovo “gioco” che sta facendo molte vittime tra gli adolescenti. Impone il superamento di 50 prove: le prime sono banali, ne seguono altre basate sull’autoumiliazione fino all’ultima, il suicidio.

A gestire questo percorso di prove è una sorta di arbitro in rete, che richiede prove o foto delle prove fatte e la cancellazione delle prove precedenti. Alla fine il “giocatore” deve decidere come suicidarsi».

Tra le prove veniva chiesto di svegliarsi alle 4,20; guardare film horror per 24 ore consecutive; incidersi una balena sul braccio; infine cercare un palazzo e gettarsi nel vuoto, o suicidarsi un altro modo.
Nel novembre 2016 è stato arrestato un ventunenne russo, Philip Budeykin (conosciuto anche come Philip Lis), accusato di aver ideato questo «gioco» e provocato la morte di 15 ragazzini.
Purtroppo l’arresto di Budeykin non ha arrestato la diffusione del gioco che ha raggiunto la Francia, Spagna, Colombia, Cile, Brasile, Bolivia e Uruguay. E i ragazzini hanno continuato a suicidarsi, fino a superare il numero di 130 vittime.
Non è difficile, di fronte a queste notizie, fermarsi a pensare a quanto siano fragili e disperati i nostri ragazzi, i nostri bambini; a quanto siano soli, abbandonati dagli adulti che dovrebbero vegliare su di loro; a quanto siano invasivi i social media e all’accesso che hanno alle nostre case, alle nostre vite, senza che nessuno se ne preoccupi.
D’altra parte colpisce anche il richiamo che, sui ragazzi, hanno le sfide, soprattutto se radicali, totali, definitive. A quanto siano disposti a tutto, senza le remore che ogni adulto pone tra sé e le scelte impegnative; basti pensare al matrimonio, ambito ormai solo da preti e gay… Bene: quali sfide proponiamo ai nostri ragazzi? Come sfamiamo la loro sede di radicalità? La natura – scrisse Aristotele – aborre il vuoto; e qualcuno è sempre pronto ad infilarsi nelle vite dei nostri figli.
Infine, l’impressione che questi episodi siano soltanto l’emergenza di un fenomeno carsico, magmatico.

Di un male, una morte, una disperazione assoluta ed irrazionale che ribolle sotto la superficie della nostra società ipocrita, regolamentata, burocratica, sazia e disperata; superficie che qua e là si crepa, e lascia intravedere l’abisso infernale nel quale possiamo sprofondare da un momento all’altro.

Commenti

Check Also

Danni elevati dopo il passaggio del tornado Casaletto Vaprio, Cremona

Una serie di supercelle temporalesche ha colpito questo pomeriggio, 6 giugno 2017, molte aree della …